La Cantina2020-05-13T17:38:41+02:00

LE CANTINE E IL PALAZZO DI MARZO

Nel 1647 Scipione di Marzo, capostipite della famiglia, lasciò il suo paese natale di San Paolo Belsito, vicino Nola, per fuggire dalla peste. La tradizione vuole che portò con sè l’uva di un antico vitigno a bacca bianca diffuso soprattutto sulla costa campana, conosciuto come “Greco del Vesuvio“. Nel corso dei secoli, l’uva si adattò perfettamente alle colline di Tufo col loro sottosuolo unico, ricco di minerali, in particolar modo zolfo, che conferisce al vino la sua inconfondibile mineralità.

Scipione di Marzo quindi viene comunemente considerato come il creatore del famoso Greco di Tufo.

Nel 1648 Scipione cominciò la costruzione del suo Palazzo, che ingloba l’antica cinta muraria del paese, e delle storiche cantine, ad esso sottostanti.

Gli antichi cunicoli medievali del paese furono quindi riadattati nel corso dei secoli a cantine, data la naturale predisposizione di questi ambienti umidi e bui alla conservazione del vino, mantenendo un’elevata umidità ed una temperatura fresca tutto l’anno.

Ricca di questo patrimonio storico e di tecniche di vinificazione all’avanguardia, l‘Azienda di Marzo è stata nel corso dei secoli protagonista della tradizione vitivinicola campana. Le Cantine di Marzo hanno preservato fino ai giorni nostri l’antica struttura originaria e si sviluppano nelle grotte e nei cunicoli scavati nel fianco tufaceo del paese, che si affaccia sulla Valle del Sabato e sui monti del Partenio. Disposte su più livelli, consentono di utilizzare naturalmente la gravità per le comuni operazioni di spostamento del vino e del mosto e, in questo modo, traumatizzando il meno possibile la delicata materia prima durante il processo di vinificazione. Le Cantine di Marzo, perciò, mantengono gli originari ambienti di produzione del vino, ma al contempo sono state dotate delle più moderne apparecchiature, volte a garantire la massima qualità dei propri vini, esprimendo al meglio tutte le qualità organolettiche e la personalità  dei nostri antichi vitigni autoctoni.

L’Azienda si avvale, inoltre, del lavoro e degli studi di enologi d’avanguardia: Vincenzo Mercurio per i vini fermi, e Maurizio Baldi per i vini spumanti.

L’Azienda è aperta tutto l’anno a gruppi turistici italiani e stranieri interessati a scoprire un altro aspetto storico della Campania o semplicemente a provare vini con il sapore autentico dell’Irpinia.

IL NOSTRO TEAM


AMMINISTRAZIONE
Tonia Accetta


AMMINISTRAZIONE
Eleonora De Prospo


ENOLOGO/CONSULENTE
Vincenzo Mercurio


CANTINIERE
Luca Pisano


GESTIONE VIGNETO
Giuseppe Iennaco

I NOSTRI UOMINI