La Cantina2019-03-07T10:43:41+01:00

LE CANTINE E IL PALAZZO DI MARZO

Nel 1647 Scipione di Marzo, capostipite della famiglia, lasciò il suo paese natale di San Paolo Belsito, vicino Nola, per fuggire dalla peste. La tradizione vuole che portò con sè l’uva di un antico vitigno a bacca bianca diffuso soprattutto sulla costa campana, conosciuto come “Greco del Vesuvio“. Nel corso dei secoli, l’uva si adattò perfettamente alle colline di Tufo col loro sottosuolo unico, ricco di minerali, in particolar modo zolfo, che conferisce al vino la sua inconfondibile mineralità.

Scipione di Marzo quindi viene comunemente considerato come il creatore del famoso Greco di Tufo.

Nel 1648 Scipione cominciò la costruzione del suo Palazzo, che ingloba l’antica cinta muraria del paese, e delle storiche cantine, ad esso sottostanti.

Gli antichi cunicoli medievali del paese furono quindi riadattati nel corso dei secoli a cantine, data la naturale predisposizione di questi ambienti umidi e bui alla conservazione del vino, mantenendo un’elevata umidità ed una temperatura fresca tutto l’anno.

Ricca di questo patrimonio storico e di tecniche di vinificazione all’avanguardia, l‘Azienda di Marzo è stata nel corso dei secoli protagonista della tradizione vitivinicola campana. Le Cantine di Marzo hanno preservato fino ai giorni nostri l’antica struttura originaria e si sviluppano nelle grotte e nei cunicoli scavati nel fianco tufaceo del paese, che si affaccia sulla Valle del Sabato e sui monti del Partenio. Disposte su più livelli, consentono di utilizzare naturalmente la gravità per le comuni operazioni di spostamento del vino e del mosto e, in questo modo, traumatizzando il meno possibile la delicata materia prima durante il processo di vinificazione. Le Cantine di Marzo, perciò, mantengono gli originari ambienti di produzione del vino, ma al contempo sono state dotate delle più moderne apparecchiature, volte a garantire la massima qualità dei propri vini, esprimendo al meglio tutte le qualità organolettiche e la personalità  dei nostri antichi vitigni autoctoni.

L’Azienda si avvale, inoltre, del lavoro e degli studi di enologi d’avanguardia: Vincenzo Mercurio per i vini fermi, e Maurizio Baldi per i vini spumanti.

L’Azienda è aperta tutto l’anno a gruppi turistici italiani e stranieri interessati a scoprire un altro aspetto storico della Campania o semplicemente a provare vini con il sapore autentico dell’Irpinia.

LA CANTINA

I Vigneti

L’Azienda è proprietaria di 23 ettari vitati di Greco e Aglianico.
I vigneti, dove crescono le nostre viti di Greco di Tufo ed Aglianico, sono interamente localizzati nel comune di Tufo, in particolare nelle frazioni Santa Lucia e San Paolo, ad un’altitudine che va dai 250 ai 500 m sul livello del mare.  Le condizioni termiche, idrometriche ed anemometriche che caratterizzano l’area, influenzate dalla presenza di vicini rilievi montuosi, sono pressoché ideali per un processo di maturazione caratterizzato da un graduale equilibrio tra tenore zuccherino e acidità, consentendo l’ottenimento di produzioni enologiche pregiate. Tale favorevole situazione è chiaramente dovuta alla posizione geografica e all’orografia del territorio di Tufo. I venti, che pure hanno un ruolo fondamentale nel microclima della zona, sono quelli meridionali e sudoccidentali, umidi e tiepidi; l’area è invece protetta dai venti freddi provenienti da nord.

I terreni sono principalmente di medio impasto di argilla e calcare su pendenze orientate principalmente a Sud Ovest. L’argilla cede lentamente acqua alle piante, per cui l’uva durante la siccità estiva matura meno rapidamente e con più equilibrio. Lo zolfo fossile, di cui sono particolarmente ricchi i terreni di Tufo, rende, inoltre, unici i vini qui prodotti.

Le viti di Greco provengono dal nostro vivaio aziendale dove, da secoli, si selezionano le viti da reimpiantare, mantenendo così un patrimonio genetico di una purezza estrema.

La nuova filosofia aziendale è di puntare sempre più sulla zonazione, volta a valorizzare sempre più le particolarità e l’unicità del terroir di Tufo, caratterizzato da un ricco mosaico di vigneti, ognuno con una propria specifica identità. E’ proprio in questa ottica che da qualche anno l’Azienda ha lanciato sul mercato una Selezione di Cru di Greco di Tufo DOCG, realizzati da alcuni dei propri vigneti più espressivi: Colle Serrone, Laure ed Ortale.

Grazie alle potenzialità evolutive proprie dei vini da uve greco, questi prodotti, prima di essere immessi sul mercato, trascorrono un ulteriore anno di affinamento in bottiglia nell’ambiente ottimale delle nostre Storiche Cantine.

Per le uve di Fiano e Taurasi, le Cantine di Marzo hanno uno storico legame di collaborazione con produttori selezionati degli areali di provenienza dei vitigni che condividono la stessa filosofia di amore della vite e di ottenimento di alta qualità.

IL NOSTRO TEAM


AMMINISTRAZIONE
Tonia Accetta


AMMINISTRAZIONE
Eleonora De Prospo


ENOLOGO/CONSULENTE
Vincenzo Mercurio


CANTINIERE
Pisano Luca


GESTIONE VIGNETO
Iennaco Giuseppe

I NOSTRI UOMINI